Medicina Rigenerativa

La Medicina Rigenerativa è una branca molto recente, nata con la proposta di Whitman nel 1997 di integrare nella colla di fibrina dei concentrati piastrinici.

foto di medicina rigenerativa per donna e uomoNel 1998 Marx ha dimostrato che il concentrato piastrinico (PRP) era in grado di indurre rigenerazione ossea in campo odonto-stomatologico. Nello stesso periodo si è scoperta la possibilità delle cellule staminali di riparare molteplici tessuti.

La Medicina Rigenerativa si basa dunque sull’impiego clinico di cellule staminali e/o di prodotti biologici (PRP), contenenti i seguenti Fattori di Crescita: TGF- ß , VEGF, IGF, I&II, ECGF, PDGF-A&B, FGF, EGF, capaci di favorire e accelerare i processi bio-rigenerativi dei tessuti con cui vengono a contatto, con lo scopo di indurre processi di bio-rigenerazione e bio-stimolazione tissutale e accelerazione dei processi di guarigione.

Quando i tessuti sono danneggiati, infatti, le cellule staminali sono in grado di promuovere la riparazione di tessuti di varia natura come pelle, tendini, ossa, muscoli. Questa peculiare capacità delle cellule staminali può essere sfruttata per applicazioni terapeutiche che sono praticamente illimitate:

  • Chirurgia Vascolare: ulcere cutanee vascolari, da pressione (decubito), post-trombotiche, post-traumatiche e diabetiche.
  • Chirurgia Ortopedica: patologie degenerative delle ossa, lesione traumatiche e degenerative dei tendini, artrosi delle grandi articolazioni.
  • Chirurgia Maxillo-Facciale: rialzo del pavimento del seno mascellare.
  • Odontostomatologia: rigenerazione tessutale e ossea.
  • Chirurgia Plastica: La metodica efficace nel trattamento di ferite difficili, perdite di sostanza croniche o ovunque persista un’alterazione nei processi di guarigione e anche nella prevenzione dell’invecchiamento cutaneo. Trattamento degli esiti cicatriziali dell’acne, tecnica utile nel trattamento delle smagliature, delle cicatrici ipertrofiche e degli esiti cicatriziali d’acne. Ottima inoltre come completamento al trattamento laser o post peeling per gli effetti anti-infiammatoti e analgesiche aiutano a combattere il dolore associato a tali trattamenti.
  • Dermatologia:
  • Vulnologia;
  • Medicina estetica: soluzione innovativa nel trattamento di differenti patologie, migliora visibilmente della densità e luminosità della pelle. Può inoltre attenuare le occhiaie, mediante l’utilizzo di plasma ricco di piastrine che induce una rigenerazione della pelle e un aumento della luminosità del contorno occhi.
  • Medicina antiaging: miglioramento della qualità della pelle, riduzione delle rughe profonde mediante il ripristino dell’armonia e dell’equilibrio dei volumi del viso.
  • Tricologia: stimolazione delle cellule del bulbo pilifero capillare ed del microcircolo circostante per ripristinare la lucentezza, il colore e la vitalità dei capelli. La caduta verrà rallenta e verrà promossa la ricrescita.

Col principio della PRP HT (Platelet Rich Plasma Hair Therapy) i fattori di crescita presenti nelle piastrine sono in grado di stimolare l’attività delle cellule staminali dei bulbi piliferi ancora presenti, silenti o sofferenti, determinando un aumento del diametro dello spessore del capello.

È indicata in tutti gli stadi dell’alopecia androgenetica, nel “Telogen Effluvium”, nell’alopecia areata a chiazze e nei soggetti già sottoposti ad autotrapianto di bulbi del follicolo pilifero.

Le moderne tecniche di cura nella medicina e chirurgia rigenerativa prevedono inoltre l’impiego di biomateriali sintetici, abbinati o meno a cellule staminali autologhe, ottenute dal tessuto adiposo, o presenti nel gel piastrinico autologo od omologo.

Gli studi condotti negli ultimi anni, hanno permesso di mettere in luce, quale valido apporto abbia dato la medicina rigenerativa nel trattamento di molte patologie come quelle presentate.

Materiali
Il dispositivo da noi utilizzato consente di ottenere una concentrazione ottimale di piastrine, prelevando un campione di sangue dal paziente attraverso un prelievo e successiva centrifugazione i modo da ottenere il plasma arricchito in piastrine (PRP), che rilascerà fattori di crescita. Questi ultimi contenuti e successivamente rilasciati dalle piastrine, favoriscono ed accelerano i processi bio-rigenerativi dei tessuti con cui vengono in contatto. In particolare, a livello dermico, inducono una stimolazioni sui fibroblasti del derma e un’ accelerazione dei processi rigenerativi con conseguente trattamento dei processi di invecchiamento .

Metodi
La procedura di utilizzo si basa su un metodo semplice della durata di circa 30 minuti in assenza di anestesia. E’ previsto l’ausilio di una centrifuga da laboratorio a rotatore fisso o basculante e di accessori monouso sterili per effettuare il prelievo ed il trasferimento degli emocomponenti .

Possibili Complicanze
Raramente per alcuni giorni dopo il trattamento nelle aree interessate si possono verificare arrossamento, gonfiore, dolorabilità nel sito di iniezione o sensazione di prurito che possono scomparire dopo qualche ora. Possibili ecchimosi possono verificarsi e risolversi in pochi giorni. Reazioni allergiche localizzate, infiammazioni, pustole sono rare e si risolvono spontaneamente.

Translate »