Iperidrosi – Sudorazione eccessiva

sudorazione eccessivaL’iperidrosi è un disturbo che provoca un’eccessiva sudorazione che può interessare varie zone del corpo. Il disturbo può essere causato da iperattività delle ghiandole sudoripare o anche da malattie sistemiche, superando livelli di 500/800 ml nelle 24 ore un problema che può interessare tutto il corpo, ma spesso è limitato alle regioni palmari e plantari, alle ascelle ed alla zona genitale.
Le ghiandole sudoripare sono controllate dal sistema nervoso vegetativo simpatico e pertanto non sono controllabili con la nostra volontà. La sudorazione eccessiva rappresenta un problema per circa l’uno per cento della popolazione le cause dell’ iperidrosi non sono conosciute con certezza, sebbene il problema si verifichi con maggiore frequenza tra individui della stessa famiglia, suggerendo un ruolo di alcuni geni specifici. Le ghiandole sudoripare possono essere stimolate da numerosi agenti, tra cui:

  • Esercizio fisico
  • Caldo eccessivo
  • Alcol, caffè, fumo, cibi piccanti
  • Stress, ansia, forti emozioni
  • Particolari ore del giorno

L’iperidrosi può diventare così un problema invalidante dal punto di vista psicologico e interdire l’attività sociale degli individui che ne sono affetti. Il disagio per l’eccessiva produzione di sudore e le sue conseguenze (come tracce di bagnato sui vestiti o l’odore acre che spesso ne deriva) possono portare il soggetto iperidrotico a isolarsi.
Bisogna lavarsi spesso con detergenti idonei alla problematica, ma non troppo aggressivi e applicate polveri e/o creme contenenti attivi antibatterici e assorbenti in modo così da evitare un altro problema: il cattivo odore del sudore (bromidrosi).
La bromidrosi infatti è legata all’attività di alcuni batteri che agiscono quando il sudore non viene rimosso per lunghi periodi. Alcune misure per contrastare l’iperidrosi sono legate al comune buon senso, come:

  • Preferire indumenti in fibre naturali ed assorbenti. Prevedere un cambio di indumenti durante la giornata, se necessario.
  • Soggiornare in ambienti freschi e ventilati.
  • Evitare cibi e bevande che stimolano la sudorazione.
  • Ridurre lo stress e l’ansia.
  • Mantenere una scrupolosa igiene personale

Le soluzioni che la medicina tradizionale propone per limitare o risolvere il problema: cosmetici antitraspiranti, applicazione di ionoforesi, iniezioni di tossina botulinica fino ad arrivare alla chirurgia risolutiva ma più impegnativa. Di certo l’uso della tossina botulinica è la soluzione migliore, più indolore e reversibile, che agisce inibendo l’azione delle ghiandole sudoripare eccrine per un tempo abbastanza lungo, si arriva fino a 6 mesi. La pratica è veramente poco invasiva: si tratta di piccole punturine eseguite con un ago sottile direttamente nella sede da trattare. Il paziente già dopo 7-10 giorni può iniziare a vedere l’effetto: la sudorazione può diminuire fino al 50%. Per ottenere una riduzione stabile della sudorazione, pertanto, il trattamento va ripetuto due o tre volte all’anno, in base alle proprie necessità.
Se si decide di interrompere i trattamenti con tossina botulinica, la sudorazione ritornerà gradualmente al livello precedente, e non ci saranno altri cambiamenti nella zona trattata.

Iperidrosi ascellare

L’eccessiva sudorazione alle ascelle è il tipo più comune d’iperidrosi. L’imbarazzo creato da questo stato clinico è legato sia alla chiazza umida sugli abiti sia al tipico odore sgradevole. QUesto problema diventa critico soprattutto nel periodo estivo. Si consiglia per questo motivo di sottoporsi al trattamento nel periodo precedente così da superare i periodi di maggior caldo beneficiando del risultato.
iperidrosi-ascellare

Iperidrosi palmare e plantare

La sudorazione eccessiva delle mani è forse la forma più imbarazzante di iperidrosi. Le mani infatti sono per eccellenza l’organo di contatto con il mondo: alcuni individui che soffrono di questo problema sentono compromessa la loro professione e sono condizionati dalla patologia anche nelle relazioni pubbliche. C’è chi giunge persino ad evitare il contatto diretto con le persone per l’imbarazzo di dover stringere la mano. Spesso, a causa dell’iperattività dei nervi che regolano la sudorazione viene compromessa la microcircolazione: le mani risultano fredde mentre sudano perché i vasi sanguigni si contraggono.Il medesimo discorso vale anche per le altre estremità del nostro corpo, i piedi che, con l’avvento dell’estate, mettiamo in libertà con sandali, ciabattine e scarpe scollate.

Translate »