Biostimolazione o Bioristrutturazione cutanea

La Bioristrutturazione cutanea
 è un trattamento correttivo di ristrutturazione cutanea riservato alle cuti anziane ed ipotoniche che non rispondono, sul piano estetico, alla biostimolazione cutanea.

La somministrazione avviene per via iniettiva con tecnica lineare, a ventaglio od incrociata seguendo le vettorialità (vedi Positive Vector secondo Piovano).

Vengono utilizzate sostanze reattive:

  • Calcio Idrossiapatite (CaOH) – Radiesse dal 1990
  • Trifosfato Calcico (βTCP) – Atlean dal 2006
  • Acido Polilattico (PLLA) – Sculptra dal 1999
  • Policaprolactone (PCL) – Ellansé dal 2010

in grado di evocare una reazione infiammatoria reattiva come da corpo estraneo e quindi una Bio-Ristrutturazione-Attiva dei tessuti svuotati e con perdita di tono.

Infatti queste sostanze promuovono la neocollagenogenesi (tipo I e III) che gradualmente ricompatta l’impalcatura dermica.

La frequenza del trattamento è variabile in base al prodotto utilizzato, all’età della paziente, al tipo di tessuto.

biostimolazione

Translate »