Permalip

Permalip è una pratica e comoda alternativa ai soliti filler utilizzati per l’aumento volumetrico della labbra. L’impianto Permalip, un elastomero liscio in silicone, compatto e senza gel all’interno, è disponibile in 3 volumi, 3,4,5, utilizzabili in base al tipo di rigonfiamento che si vuole ottenere, rispettivamente per 3 differenti lunghezze, 55,60,65. Il tipo di intervento è definito “cheiloplastica”, e si svolge a livello ambulatoriale in anestesia locale.

Prima di procedere va misurata accuratamente la lunghezza della bocca della paziente, da commissura a commissura, nella parte superiore del vermiglio per quanto riguarda il labbro superiore e nella parte inferiore per quanto riguarda il labbro inferiore.
L’impianto non va suturato una volta inserito, per cui è necessario che la lunghezza presa sia esatta onde evitare che lo stesso si muova all’interno. La sua consistenza permette di rispettare e mantenere la curvatura dell’arco di Cupido.
Il Permalip va posizionato superficialmente, al di sotto della mucosa labiale e sopra il muscolo orbicolare, nella linea di confine tra la parte bagnata e la parte asciutta del labbro (wet dry border). Per facilitare l’inserimento è opportuno tracciare dei segni con una penna dermografica sulla linea da rispettare.
Una volta effettuata l’anestesia vengono fatti 2 taglietti di circa mezzo mm più grandi del volume scelto su ogni commissura (ad es. se si sceglie il volume 4 si farà un taglietto di 4,5 mm) con una forbice Iris, e si inserirà la stessa nel canale tracciato, per scollarlo. Dopo aver scollato la prima metà si passerà all’altra, facendo attenzione che le due parti coincidano sullo stesso piano.
Una volta scollato il canale si inserisce il Tunneler nel canale stesso, facendolo uscire dalla parte opposta a quella dell’inserimento, e con il suo becco finale si prende l’ impianto che viene così tirato all’interno del labbro. Nel tirare l’impianto questo va bilanciato all’estremità opposta a quella presa con il Tunneler, per evitare che slitti troppo e fuoriesca dall’altra parte.
La stessa operazione viene ripetuta per il labbro inferiore.
Una volta inserito il Permalip viene assestato meglio con le mani.
Vengono poi suturati i due taglietti praticati alle commissure con dei puntini che vengono tolti circa 10/15 giorni dopo.
Il vantaggio del Permalip è che per la sua posizione e per l’assenza di suture interne, può essere facilmente rimosso sia per un cambio di misura sia per eliminarlo definitivamente.
L’effetto che si ottiene è molto naturale, e dopo un iniziale rigonfiamento post operatorio le labbra assumeranno un aspetto disteso e privo di disomogeneità, con anche una riduzione dell’80% delle fastidiose rughette che si formano nella parte sovrastante il labbro superiore (comunemente denominate “codice a barre”).
Le motivazioni che possono portare al Permalip derivano dal non voler incorrere nel rischio di granulomi, nel non voler ripetere sul labbro dolorose e ripetute iniezioni di filler che comunque non danno la stesso effetto naturale del Permalip.
Il timore del chirurgo di perdere una paziente una volta messo il Permalip è totalmente infondato, in quanto la paziente viene in questo modo fidelizzata per la soddisfazione dell’intervento, che la porterà in ogni caso ad effettuare filler su altre parti del viso. La paziente avrà modo inoltre di portare sue conoscenti che magari, visto il risultato positivo, vorranno fare la stessa cosa.

Translate »